Sogni letterari. Il sogno del cuore mangiato nella Vita Nova di Dante Alighieri.

Bernardino Mei, Ghismonda con il cuore di Guiscardo, Pinacoteca Nazionale, Siena. sec. XVII

Il sogno del
cuore mangiato

Dante Alighieri,
Vita Nova III, 4-11

a cura di Federico Berti
In collaborazione con
Universo sogni

“E pensando di lei, mi sopragiunse uno soave sonno, ne lo quale m’apparve una maravigliosa visione: che me parea vedere ne la mia camera una nebula di colore di fuoco, dentro a la quale io discernea una figura d’uno segnore di pauroso aspetto a chi la guardasse; e pareami con tanta letizia, quanto a sé, che mirabile cosa era; e ne le sue parole dicea molte cose, le quali io non intendea se non poche; tra le quali intendea queste: “Ego dominus tuus”. Ne le sue braccia mi parea vedere una persona dormire nuda, salvo che involta mi parea in uno drappo sanguigno leggeramente; la quale io riguardando molto intentivamente, conobbi ch’era la donna de la salute, la quale m’avea lo giorno dinanzi degnato di salutare. E ne l’una de le mani mi parea che questi tenesse una cosa la quale ardesse tutta, e pareami che mi dicesse queste parole: “Vide cor tuum”. E quando elli era stato alquanto, pareami che disvegliasse questa che dormia; e tanto si sforzava per suo ingegno, che le facea mangiare questa cosa che in mano li ardea, la quale ella mangiava dubitosamente. Appresso ciò poco dimorava che la sua letizia si convertia in amarissimo pianto; e così piangendo, si ricogliea questa donna ne le sue braccia, e con essa mi parea che si ne gisse verso lo cielo; onde io sostenea sì grande angoscia, che lo mio deboletto sonno non poteo sostenere, anzi si ruppe e fui disvegliato. E mantenente cominciai a pensare, e trovai che l’ora ne la quale m’era questa visione apparita, era la quarta de la notte stata; sì che appare manifestamente ch’ella fue la prima ora de le nove ultime ore de la notte”.

Dante Alighieri, Vita Nova III, 4-11

Responso:

Rodersi dentro non risolve niente
non è l’amore a divorarti il cuore
ma solo il tuo egoismo inconcludente

22. L’angelo dell’amore, 67. La nudità femminile,
47. Il cuore, 38. Il drappo sanguigno, 79. Il fuoco


Condividi nei Social
9Shares