Sognare la nipotina scomparsa. Diretta sogni n.17. Libro dei sogni, Smorfia.

Commenti in redazione

Benvenuti alla 17 diretta sogni. E’ arrivata in redazione una domanda, piuttosto impegnativa bisogna dire. Una prospettiva storica della cabala dei sogni trasversale alle culture, alle religioni e ai confini politici. Messa così, ne avremmo per una mezza enciclopedia. Una risposta completa sarebbe impossibile darla qui e ora, però possiamo iniziare insieme a fare qualche esperienza ‘pratica’. Ora vi invito a fare una cosa, non solo chi mi ha fatto la domanda ma tutti quelli che seguono spesso queste dirette. Provate a cercare in rete un catalogo della scrittura geroglifica più antica, quella del catalogo di Champollion, parliamo dei primi tempi quando erano stati codificati appena un mezzo migliaio di ideogrammi. Osservate con attenzione la tavola dei simboli, poi passate a un catalogo illustrato della Smorfia tra quelli pubblicati negli ultimi duecento anni, compreso il mio. Notate niente? Vi faccio per ora questa domanda, poi a seconda delle risposte andiamo avanti e ci pensiamo, sempre tutti insieme.

Cabaletta gastronomica

Sempre nella diretta di ieri è arrivata qui in redazione anche una cabaletta gastronomica, dove a ognuno dei 90 numeri del lotto, o della sua versione ‘family game‘, la tombola, è abbinata una pietanza. La conservo con piacere, in effetti queste cabalette sono molto numerose e si ritrovano spesso nelle pubblicazioni popolari, tipo almanacchi, calendari, oroscopi e simili. Anni fa mi è capitato di confrontarne qualcuna tra loro e inutile dirlo, non ce n’era una che riportasse gli stessi numeri dell’altra. Mi ha fatto sorridere in particolar modo questa ‘Smorfietta’ di Amandola, terza edizione del 2000 per la Litografia Fabiani, perché va a confermare una vecchia e buffa ‘disputatio’ che mi sono trovato a sostenere, sulla tradizionale corrispondenza fra l’88 e i Caciocavalli. Come ho sempre sostenuto, nessun abbinamento fra numeri e simboli è uguale in tutte le tavole periodiche o per dirla più semplicemente, non esiste ‘una’ Smorfia. Ecco, la cabala arrivata in redazione al numero 88 riporta i Calamari. Probabilmente chi l’ha catalogata così deve aver pensato alla forma ‘ad anello’, per poterla meglio memorizzare, tutto qui. Nelle mie pubblicazioni inserisco spesso delle cabalette come questa, sempre con un tema diverso legato ovviamente all’oggetto della pubblicazione. L’amore, la guerra, la moda, i burattini e così via. Vi lascio qualche riferimento in descrizione al video su YouTube. Veniamo al sogno di stasera.

Questa notte mi sono sognato che la mia nipotina era con lo zio (mio figlio) e lui l’ha persa nella folla! Alla fine però li ho trovati che mi aspettavano seduti su un muretto…

Risposta pubblica alla diretta di ieri sera.

Consultazione
Libro dei Sogni

Perdere qualcosa o qualcuno in sogno si considerava un ammonimento, un invito a fare molta attenzione per evitare che le perdite diventino reali.Tra le perdite ricorrenti, il sangue dal naso, oppure una casa giudiziaria, una scommessa. La nipote possiamo considerarla in questa particolare configurazione come un’estensione dell’idea generale di ‘figlia femmina’, sognare la quale era associato a onori, profitto, benessere in arrivo. Non solo e non tanto nel senso materiale, economico, ma anche nel senso di un periodo felice, serenità familiare, prosperità. Perdere la nipote in sogno, è una perdita in serenità. Tanto più se ci è stata affidata dai genitori e dunque noi siamo responsabili non solo davanti alla nostra coscienza. Se la nipote è un ‘figlio nel figlio’, come una matrioska russa aprendo la quale se ne trova un’altra, il simbolo nel sogno è raddoppiato dalla presenza del figlio del sognatore, zio della bambina. Una figura parentale che spesso nei sogni veniva associata a una disarmonia in famiglia, liti o problemi di relazione, se nel sogno era vivo. Fortuna, eredità in arrivo, se lo zio era morto. La prospettiva è complicata dal fatto che la figura centrale è contemporaneamente zio della bambina e figlio del sognatore, questo moltiplica connessioni ma non cambia l’idea generale. Perdita di serenità, armonia, riti quotidiani, vita familiare. A rafforzare questo turbamento, il simbolo della folla. Trovarvisi in mezzo nel sogno si riteneva indicasse un pericolo d’infortuni o litigi, soprattutto se in raduni di massa come concerti, comizi politici, partite di calcio, fiera o mercato. Il muretto lo avevamo visto proprio nella diretta di ieri sera, trovarvisi davanti è un brutto segno di preoccupazioni e disagi, ma l’impedimento va commisurato all’altezza del muro e alla sua possanza. La bambina ritrovata sul muretto è un problema che si risolve da sé, ma anche un invito a cercare la soluzione al problema osservadolo da una prospettiva diversa: il muro può essere sì un impedimento, se la nostra unica preoccupazione è scavalcarlo, ma la nipote viene a ricordarci che possiamo vederlo sotto un aspetto completamente diverso, usarlo per sedercisi sopra, riposare, socializzare.

Numeri

33. La Nipote
6. Il Figlio
42. La Folla
15. Perdersi
44. Il muretto

Responso

La folla s’è portata il tuo sorriso
Ma guarda bene sopra il muricciolo
E’ lì che aspetta senza darti avviso

Per saperne di più
F. Berti, Libro dei sogni

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *