Il sogno di oggi. Ho sognato dei bruchi urticanti che mi scappavano da una scatola porta pranzo. Responso e numeri.

Le processionarie
scappano dalla scatola

Sogni e numeri
A cura di Federico Berti

Il sogno di oggi

Stanotte ho sognato che avevano riaperto tutto quanto dopo la pandemia, ma la gente continuava a rimanere in casa disperata, pensavo tra me: “Sarà ben difficile convincer le persone a uscire dopo tutto quello che è accaduto. Il trauma subìto in un anno e mezzo di contagio, tragedie e lutto, è stato grande”. Nel frattempo, qualcuno mi aveva affidato una scatola di plastica trasparente, un porta-pranzo dentro cui vedevo brulicare delle processionarie dalle uova appena schiuse. Erano di colore chiaro e alcune mostravano l’occhio colorato della coda del pavone sul dorso. Sono vermi pericolosi pensavo tra me, il loro pelo è urticante, può causare gonfiore e reazioni indesiderate, lo so bene perché da bambino mi accadde proprio di giocare con questi animali nel prato e ritrovarmi tutto il braccio sinistro gonfio. Nel sogno indossavo la stessa camicia a quadri che associo a questo ricordo d’infanzia. “Devo fare attenzione che non escano dalla scatola o chissà cosa potrebbe accadere”. Valuto l’opportunità di aprire la scatola, spruzzare della benzina su questi vermi e bruciarli, mentre penso questa cosa mi accorgo che alcuni di questi bruchi, grandi come passerotti, sono usciti non so come dalla scatola prima ancora di poterla aprire e mi stanno effettivamente camminando sulla camicia. Dico allora: “Quando meno te l’aspetti…” e mi sveglio.

Responso e numeri

Quando pensi d’aver scampato il crollo
quando ti senti un poco più sicuro
è allor che tutto sfugge al tuo controllo

52. La disperazione, 19. Il brulicame,
79. Il fuoco, 28. La scatola, 72. La fuga

Per saperne di più:
Federico Berti, Libro dei sogni
Bologna, Italvox, 2013

Condividi nei Social
1Shares