‘Aa Bbefana. Satira, poesia. Sonetti romaneschi. Pasquinata n.32

Qui sopra la poesia recitata dall’autore. Una satira in dialetto romanesco sulla storica rivalità fra San Nicola e la Befana nell’immaginario popolare delle festività natalizie. Per trasmetterla in radio, avvia la riproduzione del video.
Satira a tema natalizio. Da recitarsi in poesia o in prosa.
Vi aspetto il 5 Gennaio 2020 h.15:00, Castello Manservisi
Castelluccio di Alto Reno, Porretta (Bologna)

‘Aa Bbefana

Satira, poesia
Sonetti romaneschi

di Federico Berti

Tra’a Vecchia e’r Vecchione è lite accesa
a chi’a fa più grossa e sprofumata
de consegna’ la notte conszagrata
‘aa regalìa fra tutte mejio spesa.

Lui s’ariccia er barbone su’a panza
poi dice: “Ar fio de quello j’ho portato
‘na stazzione co’ tutt’er porticato,
‘na ferovìa che te ce vo’na stanza”

Ribbatte lei: “L’amico de’r compagno
l’ho mess’a posto pe ‘na vita intiera:
j’ho portato… ‘Na frasca de castagno,

così l’inzìta, quann’è primmavera,
cent’anni je pò da’ frutto e guadagno,
mejo che cerca’ l’oro sotto tèra!”.

Glossario
romanesco

‘A Vecchia: La Befana
Er Vecchione: Babbo Natale
S’ariccia: si arriccia
Su’a panza: sulla pancia
Ar fio: al figlio
Stazzione: stazione
Ferovìa: ferrovia
Te ce vo’: ti ci vuole
De’r: del
Pe’na: per una
Intiera: intera
J’ho: gli ho
‘Na frasca: un ramoscello
L’Inzìta: lo innesta
Quann’è: quando è
Primmavera: primavera
Mèjo: meglio
Cerca’: cercare
Tèra: terra
Nonostante la giustificazione teologica e il racconto dell’anziana donna che indicò ai Re Magi la grotta di Betlemme, nella mentalità popolare l’aspetto religioso e quello tradizione si consideravano distinti. Una cosa la manifestazione del divino, altra l’apparizione della Vecchia.

Il racconto in prosa
per adulti e non

Una volta, la Befana e San Nicola si misero a far competizione uno coll’altro, per vedere chi riusciva a portare il regalo migliore. Lui per farsi bello si arriccio la barba sopra la pancia e disse: al figlio di quel signore là ho portato un’intera stazione ferroviaria, il treno coi vagoni, la macchina a vapore, la sala d’aspetto e pure il porticato. Sorrideva fra sé pensando che la povera donna non avrebbe mai pouto permettersi tanto, perché non aveva nessuno ad aiutarla. Non aveva la fabbrica dei sogni lei, con quei poveri folletti sempre curvi sui balocchi senza mai prendersi nemmeno una pausa per l’idromele. Ma la Befana così parlò: all’amico di quel bambino sai cosa ho portato? Un ramoscello di castagno con la gemma sopra, così può conservarlo nell’inverno e quando viene primavera innestarlo s’una pianta vecchia. Vedrai il frutto che gli darà! L’ho sistemato per tutta la vita. Meglio che andarsene sotto terra a cercare l’oro senza mai vedere la luce. E fu così che per quella volta la Befana vinse la contesa.

Le altre satire
sonetti romaneschi:

A Spasso co’r Lione
‘A Quarantina
Er Muso Giallo
‘A Spagnola
Aa Pavura
Er Baronetto
Er Bacillo Deportato
‘Li Strologhi
‘A Bbefana
Babbo Natale
‘Aa Tassa su’r Celibato
Er Quintazzecca
Trilussa contro Maciste
‘Aa Porverina
Er Burino Ripulito
‘O Stufarolo
E’ Reggiseno
Er Galletto Sanzionato
L’Omo forte
‘Aa Bandiera
‘Aa Bronza di Riace
Méttece ‘aa Faccia!
L’Isola dell’Ossa
Er Muro che Parla
‘Aa Guardia Nera
L’Orazzione d’aa Bestia
‘Aa Bella Addormentata
Er Cantiere di Notredamia
L’Argoligo Vanitoso
Notte al Colosseo
L’Oche d’er Campidojio
Er Pianeta d’aa Monnezza
Er Majiale de Sant’Antogno
‘Aa Palizzata
Parabbola de li Ciechi
Davide e Golia
L’Arèsto de Purcinella
L’Incantaserpi
Er Pistolone de Giggetto
Anna’ pe’ Becchi

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *