‘A mejo impresa. Sonetti romaneschi. Satira, poesia. Dedicata a Germano Carella, narratore dell’audiolibro.

‘A mejo impresa

Sonetti romaneschi
di Federico Berti

Me trovavo dipresso a’n crocevia
accommodato sopra ‘na panchina
me so’ visto passa’ na formichina
ai giardinetti dietro casa mia.

Ma l’hai capito quanto je costava
a scravarca’ sti quattro sassolini
‘e foje secche, l’aghi de li pini?
D’innant’a gnente, quella se fermava!

C’è poi da dì che all’ora de’r bivacco
in zu le spalle questa s’era presa
‘na briciola de quarche pranz’ar sacco

M’è parza allora er mejo de l’impresa:
‘sta qua è capace, diavolo vijiacco
d’arza’ cinquanta vòrte quanto pesa!

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *