Sonetti romaneschi. “Er caffè a letto” di F. Berti. Tratto dall’audiolibro: “Trilussa contro Maciste”, n.42

Er caffè a letto

Sonetto romanesco
di Federico Berti

Tratto dall’audiolibro:
“Trilussa contro Maciste”

Ve vojo ricconta’ na fesseria
quann’è ‘a prima luce de’r matino
preparo er gabbare’ co’r caffettino
uno pe’mme, un a’a mojie mia

Cce pòi giura’ che nun ch’ariva sàno
‘mpò che m’oo perdo a pisciarello
nde’r tratto fra’a cammera e’r tinello
e ‘mpò tra’e linzòle e’r caffetàno

Aa’amore mio se sbròdola abbondante
me svèrza da pertutto ggenerosa
qu’aa miscela arabbica fumante

Si sse potesse ammisurà ‘gni cosa
da tutte ‘ste patacche in su l’istante
saprai quanto profumia ‘sta mimosa

Glossario
Romanesco

Ve vojo: vi voglio
ricconta’: raccontare
‘na: una
quann’è: quand’è
aa: la
d’er: del
gabbare’: vassoio
pe’: per
a’a moje: la moglie
Cce pòi: ci puoi
giura’: giurare
ch’arìva: arriva
‘mpò: un po’
m’oo: me lo
‘nd’er: nel
linzòle: lenzuola
caffetano: vestaglia
svèrza: rovescia
da pertutto: dappertutto
qu’aa: quella
ammisura’: misurare
‘gni: ogni
patacche: macchie
profumia: profuma
‘sta: questa


Redazione ‘Un Mondo d’Italiani’, 6 Maggio 2020,

Crisi di coppia e Covid. Separazioni e divorzi in quarantena.

Questo periodo di quarantena per il Coronavirus ha provocato la fine di molti rapporti dovuti alla lontananza o alla saturazione della coppia

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *