Barzellette sugli animali. L’elefantessa e l’uccellino. Voce narrante Giuseppe Giardina. In collaborazione con Villa Maia, Monghidoro

Storie di animali.
L’elefantessa e l’uccellino

Voce narrante Giuseppe Giardina

In collaborazione con Villa Maia, Monghidoro

In Africa, in una posizione dove c’è una grande foresta. Un rumore di passi, era un’elefantessa che piangeva. Si è avvicinato un uccellino a questa povera elefantessa, le ha detto: “Ma che cos’hai?”. “Mi è andata una spina nell’occhio e con queste zampe qui non riesco a togliermela!”. Dice lui: “Facciamo un contratto”, “E cosa sarebbe?”. “Io ti tolgo lo spino dall’occhio, e tu mi fai andare là di dietro… Hai capito?”, “Si ho capito ma fai presto, per piacere fai presto dai!”. L’uccellino vola, va vicino all’occhio, col becco stacca lo spino e l’elefantessa comincia a camminare. “Oh, avevamo fatto un patto!”, le dice l’uccellino. “E va bene, vai là di dietro”. Lui va là di dietro, l’agguanta con le ali e poi comincia il suo via vai. Una scimmia che era rimasta lì e non era scappata, ha guardato giù, ha visto la scena, ha detto: “Ma guarda se sono scemi quei due lì!”. Prende una noce di cocco dall’albero e glie la butta sulla testa all’elefantessa, che fa: “Ahi!”. L’uccellino da di dietro viene fuori colla testa e dice: “Ti faccio male?”

Condividi nei Social
0Shares