Storie di animali. “Er corvo e l’Aquila”. Sonetti sbajati. Satira, poesia.

Er Corvo e l’Aquila

Di Federico Berti

Vojo cantà de sto corvaccio nero
pieno de boria e de risentimento
che pe suprebbia o pe divertimento
s’è messo in testa d’esse un gran gueriero.

Te pia de punta n’aquila reale
appennicata in mezzo a la foresta
je zompa in collo pe beccaje in testa
che quella cè rimasta pure male.

lei manco jarisponne e senza avviso
prima che l’antro se ne fusse accorto
s’è arzata quasi insino ar paradiso.

A quello jè venuto er fiato corto
te diventa cianotico in der viso
je manca l’aria e casca mezzo morto.


Tratto da F. Berti,
“Trilussa contro Maciste”
Sonetti sbajati a la romanesca

Condividi nei Social
0Shares