“Er saluto pandemico”. Sonetti romaneschi. Satira, poesia. Nuova serie, n.02

Er Saluto
Pandemico

Testo e musica
di Federico Berti

Sonetti romaneschi
Nuova serie, n.01

Quanno che’r fiato viense contaggioso
nun è che salutavi co’r bacetto
come quer fratacchione bbenedetto
abbraccicato ar tisico e ar lebbroso.

Pe saluta’ s’arzàven’ee mano
dice che usava a’a magniera antica
quanno che se cacava ‘nde l’ortica
a li tempi de’r popolo romano

Mo’ pe’ levàmme pròpio da l’impaccio
senti’mpò che sistema ho strologato:
pe’saluta’ pur’io sollevo er braccio.

Co’r pugno chiuso e’r pollice ‘ngrillato,
puta caso ce capita er malaccio
strigno più forte, ha da mori’ strozzato.

Glossario
romanesco

Viense: divenne
Fratacchione: San Francesco
Abbraccicato: abbracciato
S’arzaven’ee: si alzavano le
Magnèra: maniera
‘nde: nella
Pròpio: proprio
Strologato: escogitato
‘ngrillato: alzato
Strigno: stringo
ha da morì: deve morire

Rassegna stampa
Distanziamento sociale
e saluto romano

Trilussa, Er saluto romano

Andrea Sangiovanni, I gesti del potere. Storia del saluto a pugno chiuso

Davide Di Stefano, ‘Il Primato Nazionale’ 9 Aprile 2019, Feltri: “Meglio il saluto romano. E’ più igienico della stretta di mano

“Io ogni giorno vado al ristorante. La prima cosa che faccio è recarmi in bagno onde lavarmi gli arti superiori. Mi siedo al tavolo e ogni pirla che entra nel salone, conoscendomi, si avvicina e mi porge il palmo. Non posso negare il mio. Però mi incavolo. Non sarebbe meglio agire come gli antichi della capitale che alzavano garbatamente l’avambraccio in segno di omaggio e finiva il tormento con buona pace di tutti?”.

Redazione, AdnKronos, 3 marzo 1994, Saluto romano: ai fascisti fu ‘suggerito’ da D’Annunzio

Sergio Bertelli, docente di storia moderna all’universita’ di Firenze, nel libro ”Corsari del tempo. Quando il cinema inventa la storia” (Ponte alle Grazie), proprio al cinema si deve l’accreditamento storico del cosiddetto saluto romano. Il gesto compare nel film ”Cabiria” del 1914, per il quale D’Annunzio fu il consulente letterario e il curatore delle didascalie.

Matteo Luca Andriola, ‘Osservatorio Globalizzazione, 30 Settembre 2019, L’equivoco storico del saluto romano,

Quando i militanti di estrema destra compiono il celebre “saluto romano”, ritengono di evocare una ritualità che affonda le proprie radici nella grandezza della Roma imperiale di Augusto, Vespasiano, Traiano. Nulla di più errato, come ci ricorda Matteo Luca Andriola sulla vera storia del saluto “romano”. Che di romano, in fin dei conti, ha ben poco.

Redazione ‘Huffington Post’, s.d Crozza e tutta la verità sul saluto romano: “È una fake news”,

Fu inventato dal poeta di Pescara Gabriele D’Annunzio e quindi casomai – dice il comico genovese – dovrebbe chiamarsi “saluto abruzzese”

Redazione ‘Focus’, 3 Maggio 2020, Ma i Romani facevano davvero il “saluto romano”?,

Quello che oggi chiamiamo “saluto romano” (che fu adottato da fascisti e nazisti) ha un’origine diversa da quella che si immagina… E ha a che fare con l’arte.

Redazione, ‘Agenzia di Viaggi, 8 Aprile 2020, Wài, il saluto thailandese che rispetta il distanziamento sociale.

Ogni volta che ci si incontra, si entra in un negozio o in qualsiasi altro locale, oppure si partecipa a un incontro sociale, le mani giunte in preghiera (un gesto chiamato wài, in lingua locale) davanti al viso, un leggero inchino e un sorriso sintetizzano la gioia per l’incontro.

Chiara Guzzonato, ‘Focus’ 30 maggio 2020, Stretta di mano addio?

Se è chiaro che finita la pandemia da CoViD-19 gli abbracci non scompariranno, la stretta di mano potrebbe venire rimpiazzata per sempre da altri saluti meno “rischiosi”.

Leggi la prima serie
“Trilussa contro Maciste”

Libro, Ebook
di Federico Berti

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *