Sonetti romaneschi. Er chiodo de Napolione. Tratto da: “Trilussa contro Maciste” n.43

Er chiodo
de Napolione

Sonetti romaneschi
Satira, poesia

di Federico Berti

Quanno Napolione ha perzo tutto
Che a Vaterlònia l’hanno bastonato
e dai cannoni mezzo rintronato
s’è defilato come’n farabbutto

Dicette: “Nun è stata còrpa mia
fu’n chiodo rugginoso e maledetto
che spuncicò er cavallo pe’dispetto
ar comandante d’aa compagnia!”

“A forza de rinculi e disarcioni
deva certi strattoni all’ufficiale
che governava ‘e colluttazioni”

“Nun s’è sbajato mica a da’r segnale:
s’era sbarzàto da’e posizzioni,
Perciò l’assartò j’è venuto male!”

Rassegna stampa
Caso Trivulzio

Elena Dusi, ‘La Repubblica’ 16 Aprile 2020, Trivulzio, chiusa l’ispezione del Ministero. Zampa: “Violate le disposizioni di non far entrare contagiati”. Zampa non è stata tenera con la gestione della Regione da parte del governatore della Lega Attilio Fontana. “Dal primo giorno la loro politica è stata quella di disattendere le indicazioni del governo, di andare in direzione contraria, prendere le distanze. Se indicavamo di chiudere, loro aprivano. Se indicavamo di aprire, loro chiudevano. Questo è avvenuto per ragioni politiche. Ma dovremmo chiederci come mai la Lombardia abbia un numero di contagiati sproporzionatamente alto rispetto alle altre regioni”.

Gabriele Laganà, ‘Il Giornale’, 22 Aprile 2020

Coronavirus, Fontana: “Lombardia all’oscuro di piano pandemico nazionale”

Il governatore Attilio Fontana ha spiegato che nessun tecnico è stato chiamato a rappresentare l’amministrazione così come non c’è stato alcun coinvolgimento della Regione

Redazione Ansa, 20 Aprile 2020

Coronavirus, i parenti: ‘Al Trivulzio da marzo morti 200 degenti su 1.000’

Ispettori del Nas. Controlli anche in altre Rsa lombarde

 “Stanno continuando a trasferire i pazienti da un reparto all’altro, senza aver fatto nemmeno i tamponi, lo fanno la sera di nascosto, gli anziani continuano a morire, la situazione non è migliorata”

Newsletter

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *