Proverbio del giorno.

Lavar la testa all’asino da soma
fa solo il tempo perso e l’acqua lorda
del suo fetor s’appesta la tua chioma

Sì come disciplina un reggimento
la regola dell’ordine è sovrana
preserva i frati e veglia sul convento

Misera la nazione che impotente
dei mendicanti affollerà le strade
chi ruba il pane è vittima innocente

Non devi mendicar quel che ti spetta,
con dignità difendi il tuo diritto,
che vantaggioso torni darti retta

Non tanto quel dottore mi spaventa
che non estirpa il male alla radice
ma chi del mal minore s’accontenta

Triste colui che vive di menzogna
finirà col persuaderne sé stesso
e non saper s’è vero quel che sogna

Può dar la boria il più dolente scacco
cantar vittoria prima del suo tempo
è matto solo quando l’hai nel sacco

Al gran collegio in assemblea riunito
l’astrologo indicava l’universo
lo stolto non vedeva che il suo dito

Prenditi cura di chi t’è alleato
tradir l’amico non dà mai buon frutto
prima o poi resti solo e abbandonato

Non trascurar la goccia persistente:
divideran col tempo i continenti
voragini insidiose e turbolente

Del coccodrillo non badare al pianto
vuol muoverti a pietà col suo lamento
ma ti divora se gli nuoti accanto

A far la barba al matto è presto detto
ci vuol rasoio ardito e mano ferma
se gli vuoi bene legalo più stretto

Leggi anche la raccolta dell’avv.
Giuseppe Domenico Vavala

Download Pdf

Condividi nei Social
0Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *