Bjorn Rasch, Lo stimolo olfattivo durante il sonno profondo consolida la memoria dichiarativa

Il professor Bjorn Rasch, dell’Università di Lubecca

Rash Bjorn, Odor Cues During Slow-Wave Sleep Prompt Declarative Memory Consolidation, April 2007, Science 315 (5817) :1426-9 DOI:10.1126/ science. 1138581. Source Pub Med.

Abstract dell’articolo. Traduzione dall’inglese di Federico Berti

Il sonno facilita il consolidamento della memoria. Un modello ampiamente diffuso presuppone che ciò sia dovuto al fatto che i ricordi appena codificati subiscono una riattivazione nascosta durante il sonno. Abbiamo rilevato nuovi ricordi negli esseri umani durante il sonno presentando un odore che era stato presentato come contesto durante l’apprendimento precedente, e quindi abbiamo dimostrato che la riattivazione provoca effettivamente il consolidamento della memoria durante il sonno. La riesposizione all’odore durante il sonno profondo (SWS) ha migliorato la conservazione dei ricordi dichiarativi dipendenti dall’ippocampo ma non dei ricordi procedurali indipendenti dall’ippocampo. La riesposizione dell’odore era inefficace durante il sonno o la veglia con movimento rapido degli occhi o quando l’odore era stato omesso durante l’apprendimento precedente. In accordo con questi risultati, la risonanza magnetica funzionale ha rivelato una significativa attivazione dell’ippocampo in risposta alla riesposizione degli odori durante la SWS.

Leggi i risultati della ricerca (ENG)

Condividi nei Social
1Shares