Andrea Da Barberino, I Reali di Francia. Tre edizioni fra 1590 e 1892. Dove trovarlo in biblioteca.

Andrea da Barberino
Gli sei libri delli Reali di Francia

In Venetia : appresso Giacomo Cornetti, 1590

Biblioteca del Convento francescano – Dongo – CO
Indirizzo: Via delle Rimembranze 8 – 22014
 Dongo (CO)Tel.: +39 034481338Fax: +39 034482601
Apertura Giovedì 9:00-12:00


Andrea da Barberino,
Li reali di Francia

Nei quali si contiene la generazione degli imperadori, re, principi, baroni e paladini con la bellissima istoria di Buovo di Antona

Volterra : Tip. Sborgi, 1857

Biblioteca comunale Augusta – Perugia – PG
Indirizzo: via delle Prome 15 – 06122 – Perugia (PG)
Tel.: 0755772500Fax: +39 0755722231E-mail: augusta@comune.perugia.it


Andrea da Barberino,
I Reali di Francia

Bologna : Romagnoli Dall’Acqua, 1892


Chi era Andrea da Barberino

Andrea da Barberino non era povero, possedeva dei terreni. Fu poeta e maestro di canto, ma soprattutto svolse attivamente l’attività del cantastorie. Leggeva i suoi racconti sulla pubblica piazza, come canterino comunale o giullare. Non solo ma questo romanzo in particolare, I reali di Francia, apparteneva alla lunga serie dei libri ‘proibiti’ che i contadini si tramandavano in lettura privata attraverso la mediazione dei narratori di comunità, alcuni dei quali ne conoscevano il testo a memoria. Insieme alla Commedia dantesca, ai canti dell’Ariosto e alla Gerusalemme Liberata, erano ancora nel repertorio delle letture che si svolgevano dal vivo ‘A veglia’. La ponderosità del materiale e il linguaggio complesso dell’opera originaria, lascia pensare a una rielaborazione del testo e al suo più che probabile adattamento. In questa pagina presentiamo tre edizioni dell’opera, una cinquecentina che si trova alla biblioteca francescana di Dongo (Como), una del 1857 conservata alla Comunale Augusta di Perugia e una del 1892 alla biblioteca di Casa Carducci a Bologna, quest’ultima è quella su cui lo studiai a suo tempo. Trattandosi di edizioni antiche potrebbero non essere disponibili al testo bibliotecario.

Condividi nei Social
1Shares